Close
Guide di Criptovaluta

Cos’è Bitcoin?

La prima parte di Bitcoin Basics: il fenomeno Bitcoin spiegato in un Italiano sempliceBitcoin è il prossimo passo nell’evoluzione del denaro.

Bitcoin è il prossimo passo nell’evoluzione del denaro.

Cos’è Bitcoin?

Bitcoin è il primo esempio di denaro “peer to peer” (una rete di nodi paritari) e non è controllato da nessuna autorità centrale. Dato che Bitcoin non è controllato da un governo o da una banca di stato, è immune dai tipi di manipolazione del governo che hanno svalutato innumerevoli valute nazionali.

Poiché nessun singolo amministratore è responsabile della manutenzione o del supporto di Bitcoin, le transazioni emesse in questa criptovaluta sono verificate e registrate in un registro pubblico distribuito che è chiamato Blockchain.

Questo significa che i computer di tutto il mondo possiedono ciascuno una copia di quel registro pubblico e le transazioni effettuate nella rete Bitcoin sono visibili per tutti. Gli utenti possono acquistare e trasferire Bitcoin direttamente tra di loro o utilizzare un mercato di scambio centralizzato per acquistare Bitcoin con le valute tradizionali.

Anche se tutti gli utenti Bitcoin hanno essenzialmente la possibilità di vedere le transazioni verificate nella Blockchain, l’identità delle parti che effettuano la transazione rimane anonima. Mentre una banca potrebbe registrare i nomi delle parti della transazione, la blockchain Bitcoin rappresenta invece le parti come una serie di caratteri alfanumerici.

Come vengono elencate le transazioni Bitcoin?

Gli utenti PC di tutto il mondo soprannominati “miners” (minatori), hanno sia la responsabilità di autenticare le transazioni nella Blockchain sia di introdurre nuovi Bitcoin nel mondo.

I minatori di Bitcoin eseguono programmi open source (a libero accesso) specifici per Bitcoin su computer costruiti appositamente e competono per risolvere complessi problemi matematici. Una volta risolti, questi problemi verificano le transazioni in sospeso e, come ricompensa, i minatori ricevono una quantità assegnata di Bitcoin quando un ‘Block’, o un blocco, viene completato.

Ci sarà un massimo di 21 milioni di Bitcoin esistenti, il che significa che una volta che tutti i Bitcoin sono stati assegnati o “minati”, nessuna entità sarà in grado di ‘stamparne’ o crearne di più.

Come è iniziato Bitcoin?

Bitcoin può aver avuto i suoi inizi durante quello che oggi è conosciuto come il movimento “Cypherpunk”: un collettivo online di appassionati che si sono incontrati nei primi anni ’90 per discutere di matematica, crittografia, programmazione informatica, politica e filosofia.

La filosofia libertaria plasmava l’opinione dei cypherpunk riguardo a come il mondo potrebbe funzionare meglio con pochi o nessun governo e che una solida privacy online e la crittografia potrebbero cambiare il modo in cui le persone interagiscono tra loro in futuro.

Bitcoin, in quanto tale, non è il primo tentativo di creare una moneta digitale; più di trenta tentativi precedenti sono stati fatti sotto forma di sistemi chiamati CyberCash, E-Gold, NetCash e altri. Tuttavia, tutti questi sistemi hanno supportato un’autorità centralizzata e probabilmente hanno offerto pochi benefici agli utenti e molti di questi si sono limitati a catalogare queste idee come truffe.

Chi ha inventato Bitcoin?

Bitcoin e la blockchain, intesi come moneta digitale decentralizzata, sono stati descritti per la prima volta in un manifesto pubblicato da un autore sotto lo pseudonimo di ‘Satoshi Nakamoto’. Anche se migliaia di media e di esperti hanno offerto le loro speculazioni su chi o cosa potrebbe essere Satoshi Nakamoto, non c’è ancora una risposta definitiva.

Bitcoin perfeziona molte delle idee espresse per la prima volta dai cypherpunk usando la crittografia e attestazione matematica per creare un sistema monetario decentralizzato in cui non esiste un’autorità centrale.

La rete Bitcoin è nata quando è stato rilasciato il primo programma open-source Bitcoin, e quando Satoshi Nakamoto ha proceduto a estrarre il primo blocco di Bitcoin (chiamato “blocco genesi”) per una ricompensa di 50 bitcoin.

Perché è stato inventato Bitcoin?

Il Bitcoin doveva servire come alternativa all’attuale sistema finanziario. Come progettato da Satoshi Nakamoto, Bitcoin sarebbe servito come sistema di pagamento elettronico basato su validazioni matematiche che poteva funzionare indipendentemente da qualsiasi autorità centrale ed essere trasferito con costi di transazione molto bassi.

Fondamentalmente, il Bitcoin è un tentativo di risolvere un problema secolare: nel corso della storia umana, infatti, le parti hanno usato la valuta per autenticare e garantire la fiducia nel commercio di beni.

Tradizionalmente, una valuta deve essere in grado di servire come Deposito di Valore (che conserva  fiducia o significato per un lungo periodo di tempo), come Meccanismo di Scambio (che i commercianti possono utilizzare per trasferire valore da un articolo ad un altro), e infine come Unità di Conto (che le persone possono utilizzare per la determinazione del prezzo delle merci in un mercato).

Come possiamo usare Bitcoin?

Possiamo vedere tutto ciò in diversi casi d’utilizzo. Andando indietro, nel tempo che precede la moneta cartacea, le persone si pagavano l’un l’altro in oro e argento. La rarità di questi metalli preziosi dava loro un senso di valore e di significato, anche se di solito il materiale non è facile da trasportare o da dividere in porzioni più piccole (entrambe caratteristiche importanti del “buon” denaro).

Per semplificare il problema, la carta moneta è emersa come un mezzo per “rivendicare” l’oro che giace nel caveau di una banca. Questo ha reso molto più facile per i commercianti trasportare la valuta cartacea quando si trattava di dar luogo a transazioni. Nel corso del tempo, le Banche Centrali sono emerse come il meccanismo in cui la moneta veniva emessa e l’oro o l’argento veniva immagazzinato.

Tuttavia, nel corso del tempo, i legami tra la valuta cartacea e l’oro (o l’argento) sono stati tagliati. Ciò significava di fatto che non ci sarebbe stato alcun limite alla quantità di moneta cartacea che una banca avrebbe potuto creare.

Al contrario, la carta moneta (e in seguito i fondi conservati in formato digitale) sarebbe stata offerta come credito. Per esempio, quando una banca emette un prestito, di solito crea denaro, lo emette a chi lo presta e si aspetta che quei fondi siano rimborsati con gli interessi. Una banca tradizionalmente tiene una riserva di questo denaro, basato sul credito, per sopravvivere.

Con la moneta cartacea emessa dal governo, una banca con una riserva può tipicamente stampare denaro secondo le necessità dell’economia. Questo può portare all’inflazione, dove i prezzi dei beni aumentano e il valore d’acquisto della moneta cartacea diminuisce.

Nei casi peggiori, questo può portare a crisi finanziarie in cui una banca richiederà un salvataggio o affronterà il collasso del sistema monetario.

Con il progredire della tecnologia, le banche stanno ora cercando i mezzi per effettuare transazioni digitali. Questo, in termini generali, vedrebbe valori legati alla valuta scambiati su Internet e significherebbe che in futuro sarebbe estremamente difficile per due esseri umani commerciare senza l’intermediazione di una banca.

Perché Bitcoin è così interessante?

Bitcoin è incredibilmente interessante grazie al fatto che potrebbe potenzialmente servire come sistema monetario internazionale e migliore della valuta cartacea, grazie al fatto che soddisfa le proprietà del denaro meglio delle monete tradizionali. È durevole nel tempo, trasportabile (può essere facilmente trasportato da un luogo all’altro), fungibile (ogni unità è equivalente a qualunque altra), divisibile (può essere suddivisa in unità più piccole), accettabile (può essere scambiata con beni e servizi), e dotato di scarsità (in quanto ha un’offerta limitata ed è difficile da falsificare).

Bitcoin è supportato dal fatto che si basa su prove matematiche, che non ci saranno mai più di 21 milioni di Bitcoin in circolazione, e che i Bitcoin diventeranno più difficili da creare nel tempo. Per questo Bitcoin è chiamato moneta deflazionaria.

Bitcoin offre un’alternativa sorprendente al sistema bancario tradizionale, si basa su prove matematiche immutabili in relazione alle sue basi, e per la prima volta nella storia dell’umanità offre una moneta decentralizzata dove la fiducia tra due parti può essere scalata al livello in cui una comunità globale ha pari accesso ad un sistema monetario globale che è nativamente digitale.

Nella seconda parte della nostra serie Bitcoin Basics, analizzeremo nel dettaglio il processo attraverso il quale il Bitcoin opera.